Torna alla Homepage Epsilon SGR
MyEpsilon Login

Posizioni in fondi comuni d’investimento attivate tramite il servizio Internet
Richiesta informazioni ai sensi del D. Lgs. 231/2007



Gentile Cliente,

con riferimento alla Sua qualità di partecipante diretto ai fondi comuni d'investimento istituiti dalla nostra società di gestione del risparmio, La informiamo che ai sensi del decreto legislativo n. 231/2007 in materia di prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo, Epsilon SGR è tenuta ad identificare il cliente nonché l'eventuale titolare effettivo, verificarne l'identità, ottenere informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto e a mantenere aggiornati i dati raccolti.

A tale proposito, tenuto conto che nei nostri archivi non risultano aggiornate le informazioni relative ai rapporti da Lei intrattenuti con la nostra SGR, La invitiamo a volerci cortesemente trasmettere, entro il 31 dicembre 2011, l'aggiornamento del "Modulo per l'identificazione e l'adeguata verifica della clientela" che troverà nella sezione "Documenti generali".

Il Modulo dovrà essere debitamente compilato e sottoscritto, per ogni posizione a Lei intestata, inserendo anche i dati di ciascun intestatario. Dovrà quindi essere trasmesso, unitamente alle copie dei rispettivi documenti d'identità e codici fiscali in corso di validità, a


Epsilon SGR SpA
Ufficio Servizio Clienti
Piazzetta Giordano dell'Amore 3
2012 Milano.

Nel confermarLe la nostra disponibilità per qualsiasi chiarimento al numero telefonico 02 8810 2070 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 17.30, Le comunichiamo che in assenza delle informazioni richieste entro il termine indicato potremmo non essere in grado di garantire la consueta operatività, così come previsto dalla normativa vigente.

Le confermiamo infine che il trattamento dei dati sarà svolto anche con strumenti elettronici e solo da parte di personale incaricato, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza.

Nel caso avesse già provveduto all'invio del "Modulo" La preghiamo di ritenere nulla la presente comunicazione.

La ringraziamo per l'attenzione e, confidando nella Sua collaborazione, La salutiamo cordialmente.

Epsilon SGR SpA

Novità antiriciclaggio in vigore dal 1/1/2014

Gentile Cliente, La informiamo che sono entrate in vigore, dal 1° gennaio 2014, le nuove disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela emanate dalla Banca d'Italia ai sensi dell'art. 7, comma 2 del D.Lgs. 231/2007 "Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo", di seguito la "normativa antiriciclaggio". In particolare, intendiamo attirare la Sua attenzione sulle principali novità di seguito evidenziate:

Al riguardo, Le comunichiamo che provvederemo, a breve, a trasmetterLe il nuovo "Modulo per l'identificazione e l'adeguata verifica della clientela" con le indicazioni riferite alle modalità di restituzione.

Le segnaliamo, che il conferimento di tali informazioni è obbligatorio ai sensi della normativa antiriciclaggio e che i dati forniti saranno trattati nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge in materia di privacy. Il rifiuto di fornire le informazioni richieste può comportare non solo l'impossibilità di eseguire eventuali operazioni richieste a valere sulle quote di fondi, ma anche il rimborso, ad iniziativa della SGR, delle quote dei fondi, con conseguente restituzione delle disponibilità finanziarie di Sua spettanza alla data del rimborso. In tal caso la SGR provvederà a liquidare, mediante bonifico bancario su un conto da Lei indicato, il controvalore delle quote di fondi da Lei detenute alla data del rimborso. Il bonifico bancario sarà accompagnato da un messaggio che indicherà alla banca presso cui verrà disposto il bonifico che le somme sono state restituite per impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela prescritti dalla normativa antiriciclaggio.

Per ogni Suo dubbio o necessità non esiti a contattare il nostro Servizio Clienti al numero telefonico 02/72.522.493, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.00.

La ringraziamo per la collaborazione e la disponibilità.

Comunicazione

Gentile Cliente,

facciamo riferimento al Suo rapporto per comunicarLe la necessità di acquisire l’aggiornamento delle informazioni di adeguata verifica previste in materia di antiriciclaggio dal D.Lgs. n. 231/2007 e successive modifiche. Il rilascio di tali informazioni costituisce un preciso obbligo per il cliente ai sensi dell’art. 22 del citato Decreto.

Nel caso specifico abbiamo verificato che nei nostri archivi non risultano presenti le informazioni necessarie e, pertanto, La invitiamo a farci pervenire, entro e non oltre 20 giorni dalla data della presente, la seguente documentazione: i) il questionario allegato debitamente compilato e sottoscritto; ii) copia del documento di identità in corso di validità; iii) idonea attestazione di avvenuto assolvimento degli obblighi di adeguata verifica/identificazione rilasciata dalla Sua Banca.

Le confermiamo la nostra completa disponibilità per ogni occorrenza ai seguenti recapiti: Epsilon SGR S.p.A., Piazzetta Giordano Dell’Amore, 3, 20121 Milano - numero telefonico 02.8810.3030 (lunedì - venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.00) - indirizzo Posta Elettronica Certificata AML.EPS@pec.intesasanpaolo.com.

Nel comunicarLe, infine, che il trattamento dei dati sarà svolto anche con strumenti elettronici e solo da parte di personale incaricato in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, La ringraziamo per l’attenzione e, con l’occasione, Le porgiamo i nostri migliori saluti.

  • Reclami

Reclami

I reclami indirizzati a Epsilon Associati SGR S.p.A. possono essere inoltrati in forma scritta alla Società:
- tramite posta ordinaria: Funzione Compliance & AML - Piazzetta Giordano dell'Amore 3 - 20121 Milano;
- tramite fax al numero 02.8810.2081;
- attraverso la sezione Contatti del sito internet;
- tramite posta elettronica certificata (PEC) di Epsilon SGR S.p.A. (direzioneepsilonsgr@pec.intesasanpaolo.com).
I reclami possono pervenire alla Società anche per il tramite dei soggetti collocatori/distributori

La trattazione dei reclami è affidata alla funzione di Compliance & AML nell'ambito di un processo al quale partecipano una pluralità di strutture, in modo da garantire un esame articolato della problematica emergente dal reclamo. La Società tratterà i reclami ricevuti con la massima diligenza, anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’Arbitro per le controversie finanziarie presso la Consob, comunicando per iscritto all'Investitore le proprie determinazioni entro il termine di sessanta giorni dal ricevimento del reclamo stesso.
I dati e le informazioni concernenti i reclami saranno conservati nel Registro dei reclami istituito dalla Società in conformità alla normativa legislativa e regolamentare tempo per tempo vigente. Le relazioni periodiche della funzione di Compliance & AML indirizzate agli Organi Sociali riportano la situazione complessiva dei reclami ricevuti.

La SGR assicura la gratuità per l’Investitore dell’interazione con la funzione preposta alla gestione dei reclami, fatte salve le spese, i costi e gli oneri normalmente connessi al mezzo di comunicazione adottato nonché le spese, i costi e gli oneri contrattualmente previsti per la produzione e invio di documentazione quale, a titolo esemplificativo, l’eventuale copia di rendiconti arretrati.

Restano fermi i diritti e le garanzie previsti dal Regolamento (UE) 2016/679 del 27 aprile 2016 in materia di protezione dei dati personali.
 
Dopo aver presentato un reclamo, se insoddisfatto dell’esito o se dopo 60 giorni dalla ricezione da parte della Società non ha ricevuto risposta, l'Investitore può rivolgersi all’Arbitro per le controversie finanziarie presso la CONSOB (di seguito l’“Arbitro”), entro un anno dalla presentazione del reclamo. Possono essere sottoposte all’Arbitro le controversie in merito all'osservanza da parte della Società degli obblighi di diligenza, informazione, correttezza e trasparenza previsti a tutela degli Investitori nella prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio nonché del servizio di gestione di portafogli. Restano escluse: (i) le controversie di valore superiore a Euro 500.000; (ii) le controversie che hanno ad oggetto danni che non sono conseguenza diretta e immediata dell’inadempimento o della violazione da parte della Società dei predetti obblighi di diligenza, informazione, correttezza e trasparenza; (iii) le controversie che hanno ad oggetto danni di natura non patrimoniale. Il diritto di ricorrere all’Arbitro non può formare oggetto di rinuncia da parte degli Investitori e sarà sempre esercitabile, anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nei contratti sottoscritti dagli Investitori con la Società. Le informazioni riguardanti l’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) sono disponibili sul sito www.consob.it - sezione ACF. In alternativa l’Investitore potrà rivolgersi ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul sito www.giustizia.it.

Esclusivamente nel caso in cui i prodotti/servizi offerti dalla SGR siano stati collocati mediante un sito web, in caso di controversie extragiudiziali, l’Investitore ha a disposizione una piattaforma sviluppata, gestita e manutenuta dalla Commissione europea, che agevola la risoluzione extragiudiziale delle controversie online tra consumatori e professionisti. Tale piattaforma - accessibile al seguente link: https://ec.europa.eu/consumers/odr/ - consiste in un sito web interattivo, redatto anche in lingua italiana, che offre un accesso elettronico e gratuito e consente alle Parti di condurre online la procedura di risoluzione della controversia. Tale piattaforma mette altresì a disposizione l’elenco degli organismi di risoluzione extragiudiziale delle controversie (ivi compreso l’Arbitro) tra i quali le Parti potranno di comune accordo individuare l’organismo a cui demandare la risoluzione della controversia. Tale piattaforma è stata istituita dal Regolamento UE n. 524/2013, c.d. Regolamento sull’ODR per i consumatori. Ai sensi dell’art.14 del citato Regolamento sull’ODR si comunica che l’indirizzo di posta elettronica della SGR è direzioneepsilonsgr@pec.intesasanpaolo.com